Perchè scrivo ?

Io non scherzo quando dico che vorrei diventare un poeta, una delle mie aspirazioni più grandi è quella di saper scrivere, abilità che naturalmente in questo momento non ho: per esperienza, per mancanza di lessico, per mancanza di vita e di storia..

Non sono ancora pronto ma solamente giocando, come il basket insegna, si può migliorare.

Dopotutto mi sto solo mettendo alla prova e lo sto facendo davanti ai miei occhi e a quelli del mondo, senza paura delle critiche, senza paura di chi mi vede come un povero illuso che pensa di saperci fare. Semplicemente vorrei provare a tradurre nel linguaggio più difficile e forse il meno immediato le emozioni per le quali vivo.

Non è facile scrivere, sei imprigionato in un codice di parole ben definito, circondato da regole, spazi e punteggiatura.. Fondamentale perciò diventa il dover imparare da chi è capace ed ha studiato per questo.

Ovviamente piacerebbe anche a me, un giorno, scrivere un libro ma non per forza questi desideri si devono trasformare in ossessione rovinando la spontaneità dei sentimenti.

Quello che vedo in maniera chiara è che la scrittura sarà una delle protagoniste della mia vita ed è una promessa che faccio a me stesso: continuerò a scrivere, sia che le cose andranno bene sia che esse volgeranno nel verso sbagliato.

La mia ambizione è alta, e lo è già adesso a ventitre anni; sono tantissimi i sogni, come tanta è la forza che esce dal mio cuore e mi spinge a crederci ogni giorno.

Ho la fortuna di avere nel DNA dei geni positivi tramandati dal nonno poeta. Da sempre lo guardo con grande ammirazione: pur avendo iniziato solo a sessant’anni ha composto più di duemiladuecento poesie in italiano e dialetto oltre ad aver vinto anche diversi importanti premi.

Mai sono stato orgoglioso di lui come negli ultimi tempi. Sfortunatamente niente mi faceva pensare a quando avrei sofferto per non aver imparato da lui nel momento in cui avrei potuto. Ora che io sono nelle condizioni di imparare, lui non lo è per insegnarmi motivo per il quale ora soffro. So infatti che mi avrebbe potuto dare tanto e che forse anch’io sarei stato una gioia per lui.

Mi ricordo che sin da quando ero piccolo lui cercava tra noi nipoti una figura che potesse continuare il suo percorso di poeta. Ecco, quella persona sento di essere io.

Sento di essere la sua mano, che adesso trema per il Parkinson e non può scrivere, sento di essere il suo cervello che ora fatica ma prima creava.

Gli avrei potuto rubare qualche segreto come ogni giorno bisognerebbe fare con le persone che ci circondano. Tutti diciamo e sappiamo che la vita è un dare e ricevere. Ma non sempre il ricevere avviene in automatico, e a quel punto bisogna ricercare ed andare prendere ciò che ci serve o che ci potrà servire. Però attenti, perchè quando lo capiamo, il più delle volte è troppo tardi.

Quindi oggi io vi dico: guardatevi attorno, andate alla ricerca di persone che possano darvi qualcosa di nuovo, che siano stimolanti, e non dimenticate che ciò che oggi non vi interessa in futuro potrà essere decisivo.

seguitemi su IG

Matteo_littles_piccoli

#LittlesNation

Annunci

3 commenti

  1. Scrivere è molto difficile. Indipendentemente dalla bravura o meno. Trasformare in parole, e quindi rendere concreto, un qualcosa che non ha materia (emozioni, sentimenti, ecc.) è destabilizzante. Mette a nudo i più reconditi pensieri e questo crea uno shock sia a chi scrive sia a chi legge. Per questo motivo bisogna prima di tutto scrivere per se stessi in modo da accettare il proprio io e comprendere al meglio i propri desideri. Questo è il passo più difficile. Poi si scrive per gli altri per svariati motivi: dalla divulgazione alla creazione di una comunità.
    Ogni persona ha diritto di avere carta e penna per scrivere ciò che pensa, ciò che sogna. Nessuno può criticarla dall’alto della sua “intelligenza”.
    Anche io ho un blog e anche io scrivo poesie, so benissimo quanto sia complesso esprimere a parole quello che si prova. Ma non per questo smetterò, anzi è uno stimolo per migliorare come stai facendo anche tu.

    P.S. Domani contro Jesi non impegnarti troppo!

    Mi piace

    1. Tranquillo non ho iniziato scrivendo per gli altri, anzi.. Il passo di scrivere anche per terzi è solo l’ultimo di un percorso interiore che porto avanti da molto tempo. Ho creato un forte dialogo con me stesso, ho scrivo da diverso tempo. Ho iniziato a scrivere per gli altri solo nel momento in cui ho capito che per fare un passo in più avrei avuto bisogno di una piccola parte divulgare una minima parte di ciò che scrivo. So perfettamente che il lavoro principale è quello su me stesso, la stragrande maggioranza di quello che scrivo riguarda infatti me e me stesso.
      Da gli altri mi aspetto proprio quello che hai fatto tu, un confronto, una reazione, che non per forza deve modificare le mie certezze ma può essere uno stimolo ad andare avanti.
      Per domani non ti assicuro niente, sono carico, spero non troppo 😅

      Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...